Site logo

Unità Pastorale di Campagnola e Cognento


Nella speranza siamo stati salvati

Il prodigio di essere credenti

Il_prodigio_di_essere_credenti


Sac. Carlo Sacchetti

«Se tutti noi vivessimo come dovremmo, i pagani ci ammirerebbero di più di coloro che operano prodigi».

Con queste parole, il Padre della Chiesa Giovanni Crisostomo, conosciuto come “bocca d’oro” per le sue capacità oratorie, aiuta i credenti a comprendere che il prodigio più bello, grande, efficace, è la loro vita di fede.

Troppo spesso non ci rendiamo conto che la fede ci dona l’opportunità di vivere una vita bella, piena, “prodigiosa”. Il prodigio della vita cristiana non è quello della cosa strana, strepitosa, che alla fine, con il tempo, arriva a stancare e in alcuni casi può anche indispettire o insospettire.
Coloro che sono troppo legati ai prodigi sono come alberi privi di radici. Rimangono legati fino a che non arriva qualcosa di più “appariscente” o accade qualcosa in senso contrario. Questo non vale solo per la fede, ma anche per le relazioni di amicizia e coppia. Se ci si attacca alle caratteristiche speciali, appariscenti, si rimane alla periferia del rapporto senza giungere mai al cuore. I doni, i tratti speciali dell’altro, sono ciò che all’inizio ci permette di rimanerne affascinati, ma non ci si deve fermare lì. Attraverso questi è necessario giungere al carattere straordinario dell’altro in quanto persona, unica e speciale.
Così nella fede, ciò che è straordinario (miracoli, apparizioni, ecc.) può essere una porta che però ci deve condurre a comprendere il carattere straordinario dell’essere credenti in Cristo. Vivere il vangelo è un prodigio! Nel credente vi è una bellezza che trascende tutte le altre. Nella sua semplicità e sobrietà, nel suo rialzarsi ogni giorno nonostante la fatica e debolezza, nell’essere come tutti ma allo stesso tempo diverso da tutti, nel superare l’asfissiante prova del quotidiano, il credente riparte ogni giorno con determinazione e speranza, animato da quella promessa che ha conquistato il suo cuore nel momento della conversione.

Il mio timore è che noi cristiani, per primi, non riusciamo a sperimentare il prodigio dell’essere credenti. È bello essere discepoli di Gesù Cristo, è quanto di più straordinario si possa vivere. Il mondo, anche senza saperlo, sta cercando proprio questo. Ciò che scandalizza più di ogni altra cosa è vedere dei credenti tristi, quasi invidiosi di chi, proprio perché non ha fede, può fare quello che loro non possono. Questo atteggiamento genera cristiani mediocri che non dicono nulla a nessuno.

All’inizio di questo anno pastorale vorrei lanciare questo tema che ci accompagnerà nei vari incontri e momenti formativi: “Il prodigio di essere credenti!”

Quasi come una benedizione al cammino che stiamo iniziando, aggiungo qui sotto, per la vostra meditazione, ciò che Papa Francesco ha detto nell’Angelus di Domenica scorsa, 31 agosto 2014.

«Nell’itinerario domenicale con il Vangelo di Matteo, arriviamo oggi al punto cruciale in cui Gesù, dopo aver verificato che Pietro e gli altri undici avevano creduto in Lui come Messia e Figlio di Dio, «cominciò a spiegare [loro] che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto … , venire ucciso e risorgere il terzo giorno» (16,21). E’ un momento critico in cui emerge il contrasto tra il modo di pensare di Gesù e quello dei discepoli. Pietro addirittura si sente in dovere di rimproverare il Maestro, perché non può attribuire al Messia una fine così ignobile. Allora Gesù, a sua volta, rimprovera duramente Pietro, lo rimette “in riga”, perché non pensa «secondo Dio, ma secondo gli uomini» (v. 23) e senza accorgersene fa la parte di satana, il tentatore.
Su questo punto insiste, nella liturgia di questa domenica, anche l’apostolo Paolo, il quale, scrivendo ai cristiani di Roma, dice loro: «Non conformatevi a questo mondo - non entrare negli schemi di questo mondo - ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio» (Rm 12,2).
In effetti, noi cristiani viviamo nel mondo, pienamente inseriti nella realtà sociale e culturale del nostro tempo, ed è giusto così; ma questo comporta il rischio che diventiamo “mondani”, il rischio che “il sale perda il sapore”, come direbbe Gesù (cfr Mt 5,13), cioè che il cristiano si “annacqui”, perda la carica di novità che gli viene dal Signore e dallo Spirito Santo. Invece dovrebbe essere il contrario: quando nei cristiani rimane viva la forza del Vangelo, essa può trasformare «i criteri di giudizio, i valori determinanti, i punti di interesse, le linee di pensiero, le fonti ispiratrici e i modelli di vita» (Paolo VI, Esort. ap. Evangelii nuntiandi, 19). E’ triste trovare cristiani “annacquati”, che sembrano il vino allungato, e non si sa se sono cristiani o mondani, come il vino allungato non si sa se è vino o acqua! E’ triste, questo. E’ triste trovare cristiani che non sono più il sale della terra, e sappiamo che quando il sale perde il suo sapore, non serve più a niente. Il loro sale ha perso il sapore perché si sono consegnati allo spirito del mondo, cioè sono diventati mondani.
Perciò è necessario rinnovarsi continuamente attingendo la linfa dal Vangelo. E come si può fare questo in pratica? Anzitutto proprio leggendo e meditando il Vangelo ogni giorno, così che la parola di Gesù sia sempre presente nella nostra vita. Ricordatevi: vi aiuterà portare sempre il Vangelo con voi: un piccolo Vangelo, in tasca, nella borsa, e leggerne durante il giorno un passo. Ma sempre con il Vangelo, perché è portare la Parola di Gesù, e poterla leggere. Inoltre partecipando alla Messa domenicale, dove incontriamo il Signore nella comunità, ascoltiamo la sua Parola e riceviamo l’Eucaristia che ci unisce a Lui e tra noi; e poi sono molto importanti per il rinnovamento spirituale le giornate di ritiro e di esercizi spirituali. Vangelo, Eucaristia e preghiera. Non dimenticare: Vangelo, Eucaristia, preghiera. Grazie a questi doni del Signore possiamo conformarci non al mondo, ma a Cristo, e seguirlo sulla sua via, la via del “perdere la propria vita” per ritrovarla (v. 25). “Perderla” nel senso di donarla, offrirla per amore e nell’amore – e questo comporta il sacrificio, anche la croce – per riceverla nuovamente purificata, liberata dall’egoismo e dall’ipoteca della morte, piena di eternità».
blog comments powered by Disqus