Site logo

Unità Pastorale di Campagnola e Cognento


Nella speranza siamo stati salvati
Testimonianza

Amò la Chiesa sempre e comunque

amo_la_chiesa_sempre_e_comunque


di GRAZIANO ZONI (già presidente di Mani Tese ed Emmaus Italia) - tratto da Avvenire del 5 maggio 2015


Con determinazione e gentilezza dalla parte dei «senza voce»

La testimonianza dell’amico e collaboratore italiano. «Sempre accanto alle vittime della tortura, della miseria, dell’ingiustizia». Pur amando tutti aveva, sull’esempio di Cristo, un amore speciale per gli ultimi. «Era un cittadino del mondo che amava definirsi 'l’asinello di Gesù'» L’ammirazione per l’abbé Pierre.

L’apertura del cosiddetto 'processo' di beatificazione per dom Helder Camara, a quanti lo abbiamo conosciuto, frequentato, apprezzato ed amato, non può che riempire il cuore e l’anima di grande gioia, e di profonda gratitudine alla Chiesa. A quella Chiesa che dom Helder ci ha insegnato a parole e soprattutto con la testimonianza della sua vita, ad amare e rispettare, sempre e comunque. Gioia immensa, gioia vera! E non credo proprio di essere il solo che questo momento lo ha atteso da tempo. (Ma, lo sappiamo, la Chiesa di Cristo è eterna… ) Ripercorrendo il non breve periodo della nostra fraterna amicizia (1965/1999) mi ritornano alla mente gli indimenticabili momenti vissuti insieme, in giro per l’Italia, per l’Europa ed anche nella sua cara diocesi di Olinda e Recife. Non mi basterebbero tutte le pagine di Avvenire, per raccontare e documentare l’eccezionalità, l’umiltà, il coraggio e la santità di questo 'piccolo' vescovo. Autentico 'cittadino del mondo', che amava autodefinirsi 'l’asinello di Gesù' nel suo ingresso a Gerusalemme… Fin dal primo rapido incontro, (8.12.1965), dom Helder mi fu presentato (da un comune amico vescovo) come 'un santo', ma fu soprattutto in seguito che ebbi modo e tempo di convincermi che quella 'canonizzazione' fuori norma, era semplicemente documentata dalla limpida ed esemplare testimonianza di vita di questo 'Bispinho', fratello dei poveri e mio fratello' come lo chiamò Giovanni Paolo II in visita a Recife. Indimenticabile, per mia moglie e per me, la prima volta che andammo con lui, dal Papa. Dopo l’incontro privato, dom Helder ci presentò come 'la mia famiglia italiana'… Squisita delicatezza, che ancora oggi ci commuove. E non è il solo ricordo 'dolce'.

Continua…
Comments

La "regola" dell'esemplarità

la_regola_esemplarita


Sac. Carlo Sacchetti

Mi è piaciuto molto, perché acuto e molto attuale, il parallelo che Alessandro d’Avenia ha fatto il giorno dell’Epifania tra i Re magi e chi svolge il proprio lavoro con serietà, professionalità ed onestà:

«Mi ha sempre affascinato che il Bambino-Dio nato in un posto rabberciato alla meglio è contemporaneamente reperibile grazie a calcoli e osservazioni astronomiche da professionisti del settore. Dio si fa trovare sempre da chi fa bene il proprio lavoro: come perfezionamento del pezzo di mondo che gli è affidato, come perfezionamento delle persone con cui lo svolge, come perfezionamento della propria capacità di stare al mondo. Chi cerca la stella nel proprio lavoro, trova la Stella nel proprio lavoro».

In questi ultimi editoriali abbiamo riflettuto spesso sul lavoro, su come affrontarlo. Abbiamo mostrato esperienze cariche di spirito profetico. Imprenditori che ripensano al loro ruolo ponendosi al servizio della persona e vedendo in questo il loro profitto maggiore. Ma non ci siamo fermati solo a chi comanda. Se desideriamo che l’ambiente di lavoro diventi sempre più un humus dove crescere e realizzare la propria vocazione ad essere pienamente uomini è necessario che anche “dal basso” gli operai ed impiegati escano dalla semplice logica del “portare a casa lo stipendio” e ripensino al tempo del lavoro (che è quasi il 50% delle ore disponibili nella vita, togliendo il sonno e i pasti) come una palestra, e quindi un’opportunità, per realizzare la propria umanità nella condivisione e servizio reciproco. Rimando alle esperienze che abbiamo qui raccontato dell’imprenditore Giovanni Arletti e Rossella Cionini.

Ora, però, guardiamo la cronaca. Ciò che riempie le pagine dei giornali è la mafia capitale dove viene stravolto il senso vero e profondo del lavoro. L’attività (preferisco chiamarla così per la stima che nutro verso il termine “lavoro” ) che viene messa al servizio del proprio utile e guadagno, andando a calpestare le persone più fragili, andando contro le più elementari esigenze di rispetto e decenza.
Su tutt’altro piano, ma sempre nocivo per la collettività, l’assenteismo dei vigili per l’ultimo dell’anno. Il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, aiuta a comprendere in che cosa, soprattutto, questo gesto ha fatto male: «L’esemplarità degli amministratori pubblici – in tutti i gradi di governo e di potere – è la “prima regola”. Chi sta in alto fissa in qualche modo l’asticella del decoro, del senso del dovere, persino dell’abnegazione con i quali si rende servizio alla comunità e si dà onore all’istituzione esercitando un ruolo pubblico. Il livello qualitativo del lavoro per la Città (la Regione, lo Stato) dipende grandemente da questo. E il rispetto vero, sereno, puntuale della legge saldamente fondata (e non palesemente ingiusta o tale da suscitare giustificata obiezione morale), che si è chiamati ad applicare, è parte integrante di questa “prima regola” dell’esemplarità».

Continua…
Comments